giovedì, febbraio 19, 2009

Girare non smarrire

Pensare a strani eventi, ricordi probabilmente inventati e cullarsi nella confusione mantenendo vivo presentimento che confusione non e', obiettivo ancora tutto da chiarire, reale ed irreale sospesi come luci tenui nel profondo grigio di notte umida, faro da seguire come ultima salvezza, forse punto di non ritorno di preannunciata calma o stasi o arrendevole cedimento e dentro a nido ovattato poltrona maledettamente comoda e calda e voci gentili sussurrano parole che voglio sentire, massaggi a muscoli indolenziti e desiderio di fermarsi, si fermarsi, indotta quiete.
Sono gia' passato per tutto questo, vinto perdendo battaglia, perso vincendo incomprensibile esistenza che non rinnego certo, da non osservare nell'insieme, piccole dosi, accenni ed accadimenti come isole d'arcipelago fitto e pescoso, fotogrammi non sempre uguali, leggere differenze infine narrazione, storia unica ed irripetibile.
Ora non conta perche' se e' vero che vetta rivela vetta, e' anche vero di profondita' anticamera di sempre piu' recondito anfratto, infinito discendere e non e' inferno, non e' dannazione rovente, solo stanco cammino, buio tanto evocato, luce troppo assente ma scelta fu fatta nell'infinito nulla, nessuna concessione a limitato seppur caldo abbagliare e non so, cosi' puo' andare, cosi si puo' accettare, cosi' si puo' restare.
Eppure ricordo suoni, alti suoni, canzoni e penombra, canzoni e lampi, canzoni e verde plastica, semplicita' di qualcosa sottratto troppo presto, compensazione o solo predeterminazione ma ho toccato suono, ho posto domande, ho trovato risposte, ho raccolto frequenze come grano maturo perche' in elettromagnetica terra sole e' azzurra emissione, sensi contratti e d'un tratto espansi, battito di cuore molto piu' grande, molto piu' forte, molto piu' possente.
Racconto ad occhi chiusi, metallo danzante su giro di basso e quelli sono gli anni, quella l'immagine che gira vorticosa attorno incerto centro, unico punto che potrei riconoscere, che dovrei ricordare, da li' certo ripartire.
I was a swimmer in a foggy bar
I was trying to find some sea
I was the sound of the furniture
I was a silhouette for years

1 commento:

valeria ha detto...

ciao!
ti contattiamo data la tua adesione a seguire il sito di Streetbook! il blog tra non molto chiederà, e prenderà il suo posto il sito uffciale. ti lasciamo il link nel caso volessi dare un occhiata o partecipare attivamente, o anche solo seguirne gli svolgimenti registrandoti allo stesso.
intanto, ti inseriamo tra gli utenti che seguono il sito, con relativo collegamento al tuo blog. per qualsiasi informazione rivolgiti a noi all'indirizzo e-mail streetbook@ymail.com
qui il link del sito: http://streetbook.servehttp.com
N.B: il sito non è ancora del tutto on-line, quindi è possibile che ci siano a volte problemini di connessione, ma è solo una questione momentanea. intanto puoi lasciare commenti, dire la tua o fare quello che ti pare!
ti aspettiamo! a presto! Streetbook!